HOME -
AZIENDA -
CONTATTI -
LA FILIERA -
Gli Allevamenti •
Latte di Bufala •
La Lavorazione •
NEWS -
EVENTI -
DISTRIBUZIONE -
PRODOTTI -


   


Il nome mozzarella deriva dalla parola 'mozzare' che significa 'tagliare', atto tipico e manuale del mastro casaro che consiste nel dare la forma alla mozzarella. Questo termine venne impiegato perchè la mozzarella si preparava esclusivamente tagliando manualmente l'impasto di 3-4 Kg, in forme più piccole.

La preparazione della mozzarella è il frutto di una lunga tradizione artigianale rimasta pressocchè immutata nel corso del tempo, basandosi ancora sui sistemi tradizionalmente operati per la produzione dei formaggi.

Il latte, di una o due mungiture giornaliere, viene pastorizzato e acidificato con sieroinnesto naturale (la cizza, ossia il siero della lavorazione del giorno precedente lasciato acidificare spontaneamente a temperatura ambiente). 
La coagulazione viene effettuata aggiungendo al latte il caglio di vitello liquido; si ottiene così la cagliata, che viene messa a spurgare e a maturare.

Segue la filatura, la fase più delicata e complessa della lavorazione: la pasta matura viene tagliata in fette sottili e posta in un recipiente di legno, dove fonde per l'aggiunta di acqua bollente; la pasta fusa viene sollevata e tirata fino a ottenere un impasto lucido e omogeneo, di consistenza filiforme (saggio di filatura). 

Si passa poi alla mozzatura a mano o a macchina. La mozzarella viene fatta cadere in acqua fredda per pochi minuti quindi sottoposta a salatura per immersione.

Prima di essere confezionata, viene immersa nel liquido di governo composto da  acqua  di filatura, sale e siero acido diluito, oppure da acqua salata più acido citrico o lattico.









 

Non sei ancora registrato?
REGISTRATI
 
Hai perso la tua password?
RECUPERA PASSWORD
 
 
 
 
  HOME | AZIENDA | CONTATTI | LA FILIERA | DISTRIBUZIONE | NEWS | EVENTI
  2007 Tutti i diritti sono riservati LA MARCHESA - P.IVA 00996420618
- Netshine Communication -